PAOLO GIOFFREDA architetto
 
  Home
  LECTIO, CONFERENZE, PARTECIPAZIONI AD EVENTI .......
  Accademico Europeo (Titolo conferito da A.E.R.E.C.)
  Premio Internazionale Professionalità ROCCA D'ORO
  Pubblicazioni (links esterni)
  Pubblicazioni (links interni)
  ENERGIE RINNOVABILI S.r.l.
  Contatti
  STUDIO GIOFFREDA
  => Progettazione
  => Direzione Lavori
  => Sicurezza Cantieri
  => D.I.A.
  => Pratiche e perizie
  => Interior design / Arredamento
  => Risparmio Energetico
  => PIANO CASA
  Committenze
  Esperienza negli U.S.A.
  Costruzioni, Ristrutturazioni, Restauri e Risanamenti Conservativi
  Competizioni Internazionali
  Titoli, membership, docenze e corsi di perfezionamento
  Riconoscimenti ricevuti
  NEO-RAZIONALISMO ITALIANO
  ARCHITETTURA PUBBLICA - Progetti significativi
  ARCHITETTURA SACRA - Progetti significativi
  L'ARCHITETTURA SACRA con l'arch. Paolo Gioffreda
  DOCENZE ATTUALI
  Diploma di Benemerenza A.E.R.E.C. 2017
  Libro dei visitatori
PIANO CASA

PER ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTATECI

Dott. Arch. Paolo Gioffreda
tel. 389-3899999


Il Piano Casa della Regione Lazio


La legge regionale n. 21/2009, che ha dato attuazione all’Intesa stipulata
dalla Conferenza Stato, Regioni ed Enti Locali, può essere divisa in due parti fondamentali: la prima parte disciplina le misure straordinarie per il settore edilizio e riguarda modalità, limiti e procedure per gli incrementi volumetrici; la seconda parte riguarda invece interventi di edilizia residenziale pubblica.
Per ciascun intervento dovranno essere rispettate le norme antisismiche,
le leggi statali e regionali in materia di sostenibilità energetico - ambientale e di bioedilizia e tempi e limiti previsti dalla legge regionale n. 21 del 2009.

 

Interventi sugli edifici

Gli edifici che possono essere ampliati


Gli edifici che possono essere ampliati sono le abitazioni civili uni - plurifamiliari,
comprese le case famiglia, o edifici destinati ad usi del tutto diversi, ad esempio, per le attività commerciali.
Gli ampliamenti sono
possibili costruendo a lato dell’edificio esistente e sono escluse le sopraelevazioni, la costruzione di nuovi piani.
È possibile, tuttavia, realizzare
un nuovo tetto (con pendenza massima delle falde del 35% utilizzando il sottotetto) o modificare l’esistente per rendere abitabili i sottotetti. La legge stabilisce, inoltre, che gli interventi di ampliamento devono essere fatti nel rispetto delle distanze e delle altezze previste dalla normativa vigente.


1. Ampliamento degli edifici residenziali

I proprietari di immobili ad uso residenziale, con volume inferiore a 1000 metri cubi, potranno ampliare la loro casa del 20%, purché non si superi il limite massimo di 62,5 metri quadrati di ampliamento per l’intero edificio e si rispetti la destinazione d’uso per almeno 5 anni dalla dichiarazione di ultimazione lavori.


2. Ampliamento degli edifici non residenziali

È possibile, poi, ampliare del 10% gli edifici non residenziali destinati ad attività
come l’artigianato e la piccola industria, con superficie inferiore ai 1.000 metri quadrati, o attività commerciali con superficie di vendita inferiore a 250 metri quadri, i cosiddetti esercizi di vicinato.
Questi edifici devono necessariamente
mantenere la stessa destinazione d’uso almeno per 10 anni.


3. Adeguamento delle strutture al nuovo carico abitativo

È importante adeguare al nuovo carico abitativo i servizi essenziali ovvero le opere considerate di urbanizzazione primaria e quelle considerate di urbanizzazione secondaria. Soprattutto per queste ultime, qualora non potessero essere adeguate all’aumento del carico urbanistico è stato previsto un costo straordinario del 50% degli oneri concessori, proporzionale alle opere da realizzare, oltre al pagamento degli oneri concessori stessi.
Il Comune può, con una delibera comunale ad hoc, ridurre fino al
30% il contributo dovuto in riferimento agli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, purché l’intervento riguardi una prima casa.

Attenzione: gli interventi di ampliamento non sono cumulabili ad ampliamenti previsti da altre norme vigenti o da piani urbanistici comunali.


Gli edifici che possono essere demoliti e ricostruiti

 

1. Demolizione e ricostruzione degli edifici

A chi decide di demolire un edificio a destinazione residenziale per almeno il 75% e di ricostruirlo, rispettando le leggi antisismiche e quelle in materia di sostenibilità energetico - ambientale e di bioedilizia, viene consentito un premio di cubatura del 35% (350 metri cubi o 110 metri quadrati).
Se vengono costruiti edifici nuovi nei Comuni destinatari del fondo regionale
per l’accesso alle abitazioni in locazione, il 25% di questi deve essere destinato ad alloggi residenziali a canone concordato, da affittare ad un prezzo inferiore alle quotazioni del mercato. Il premio di cubatura aumenta al 40% se l’intervento è un progetto vincitore di un concorso di progettazione realizzato con l’assistenza degli ordini professionali competenti.


Gli edifici che possono essere recuperati


 

1. Recupero degli edifici

A chi decide di recuperare i volumi accessori o le parti accessorie di un edificio
a destinazione residenziale, ubicato in zone agricole, per almeno il 75% e con volumetria inferiore ai 1.000 metri cubi, viene consentito un ampliamento del 20% del volume o della superficie.
L’intervento è a favore di coltivatori diretti e imprenditori agricoli iscritti
alla sezione speciale della Camera di Commercio, industria, artigianato e agricoltura e ai loro eredi.
Anche per il recupero edilizio è previsto un adeguamento delle infrastrutture
e l’intervento non è cumulabile ad altri previsti da normative vigenti o da piani urbanistici comunali.

Gli edifici e le zone escluse

• Edifici abusivi.
• Edifici situati nei centri storici.

• Immobili considerati beni culturali.

• Complessi rurali e casali censiti dai registri comunali e anteriori al 1930.

• Edifici sottoposti a vincoli di inedificabilità assoluta.

• Edifici in aree naturali protette.

• Edifici in territori costieri, vicino a laghi e alle acque interne.

• Edifici in zone di rischio elevato, ad eccezione delle zone di bonifica,
garantite da sistemi di idrovore.
• Edifici in fasce di rispetto delle strade statali, ferrovie e autostrade.

• Edifici in zone con destinazioni strategiche come infrastrutture e servizi
pubblici generali.
• Edifici in zone escluse con delibera comunale ad hoc.

SCHEMA RIASSUNTIVO

INTERVENTO

DESTINAZIONE D’USO

PREMIO DI CUBATURA

 

AMPLIAMENTO

Edifici ad uso residenziale uni-plurifamiliari, con volume inferiore a 1.000 metri cubi

 

20% (200 metri cubi o 62,5 metri quadrati)

Edifici non residenziali destinati ad attività come l’artigianato, la piccola industria, gli esercizi di vicinato con superficie inferiore ai 1.000 metri quadrati

 

10%

DEMOLIZIONE E
RICOSTRUZIONE

Edifici a destinazione residenziale per almeno il 75%

35% (350 metri cubi o 110 metri

quadrati), in caso di certificazione

antisismica o adeguamento

dell’intero edificio alla normativa antisismica

 

 

I documenti ed i permessi necessari

 

1. La DIA (Denuncia di Inizio Attività)

 

Qualsiasi cittadino interessato agli interventi, di cui sopra, deve presentarela DIA, denuncia di inizio attività. Ci sono solamente 2 eccezioni: nel caso di demolizione – ricostruzione di un complesso di volumetria superiore a3.000 metri cubi è necessario il permesso per costruire; nelle zone costiere e quelle limitrofe a laghi, fiumi, baie, porti, golfi (acque interne), è fondamentale ricevere il parere di un consorzio di bonifica.
Se dopo 30 giorni dall’invio della DIA non si è ricevuta risposta, il parere,
per il principio del silenzio - assenso, è da considerare favorevole.


2. I tempi di presentazione

La DIA e le domande correlate, nel caso delle due eccezioni, devono essere presentate al Comune di residenza o agli uffici tecnici competenti del Comune.
Dopo 30 giorni dalla presentazione si possono iniziare i lavori anche
senza aver ricevuto nessun parere.
Secondo il principio del silenzio – assenso, infatti, decorsi i termini stabiliti
dalla legge e non avendo ricevuto risposta alcuna, il parere è da considerarsi favorevole. Le DIA dovranno essere presentate non prima dei 90 giorni ed entro 2 anni dall’entrata in vigore della legge. Le denunce vanno presentate quindi entro il 5 dicembre del 2011, con la corresponsione del contributo di costruzione.


PER ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTATECI
tel. 389-3899999



 
 
Nome utente:
Password:
 
Pubblicitá  
   
Ci sono stati già 39837 visitatori (88148 hits) in questo sito dell'Architetto Paolo Gioffreda
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=